giovedì 28 gennaio 2010

Il Maestro Mario Pino recita Albino Pierro

Tennis e poesie per i bambini della scuola tennis ...

'A Ravatène

video

'A RAVATÈNE (in dialetto Tursitano)
Cchi ci arrivè a la Ravatènesi nghiànete 'a pitrizzeca pàrete na schèhe appuntillètea na timpa sciullète. Quanne u tempe è sincire nturne nturne a terre de jarammeci ampiite a lu souue cumme u specchiee quanne se fè notte c'è nu fruscie de vente ca s'ammuccete ndi fossee rivigghiite u cucche e ci fè nasce nu mère d'èrve. Pòure cristiène! Ci durmine cch'i ciucce e cch'i purcèllenda chille chèse nivre com'i fòrchie; e pure mé lle chiàmene 'biduine' cc' amore ca su triste e fèn'a sgrògnuea piscunète e a lème di curtèlle. C'è aria fine, alledàvete,quanne vènete 'a 'stète; e nun mpòrte si po' ci fèn' 'a féree chiàmene u taùte i cuccu-uèlle:l 'avères' 'a viré chille ca fènei Ravitanése quanne c'è na zite; vi ndippèrese i ricchie cchi nun sènte catarre manduline e colp-scure, scamizze di uagnune e d'urgarìèttee battarie e trone di tammure. Ma ié le vògghie bbéne 'a Ravatène cc' amore ca c'è morta mamma méje: le purtàrene ianca supr' 'a sèggecchi mmè nd'i fasce com'a na Maronnecc'u Bambinèlle mbrazze. Chi le sàpete u tempe ch'è passète...e nun tòrnete ancore a lu pahàzze.

LA RABATANA (traduzione in italiano)

Per arrivarci alla Rabatana si sale la pitrizze che sembra una scala addossata a una timpa in rovina. Quando il tempo è limpido, intorno intorno la terra dei burronici lampeggia al sole come lo specchio, e quando si fa notte c'è un fruscìo di vento che si nasconde nei fossi e sveglia il cuculo e ci fa nascere un mare d'erba. Poveri cristiani! Ci dormivano con gli asini e coi maialetti in quelle case nere come le tane; e anche ora li chiamano `beduini' perché sono violenti e fanno a pugni a sassate e a lame di coltello.C'è aria fina, lassù,quando viene l'estate;e non importa se poi ci fanno la fiera e chiamano la bara le civette: dovresti vederlo quello che fanno i Rabatanèsi quando c'è una sposa; vi otturereste le orecchie per non sentire chitarre mandolini e mortaretti schiamazzo di ragazzi e di organetti e batterie e tuoni di tamburo. Ma io voglio bene alla Rabatana perché c'è morta la mamma mia: la portarono bianca sopra la sedia con me nelle fasce come una Madonna col Barnbinello in braccio. Chi lo sa il tempo che è passato...e non ritorna ancora al palazzo.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Magdi Cristiano Allam è il cugino di Mario Pino ..... complimenti

Anonimo ha detto...

Mormando è l'orgoglio di Tursi!!!

Anonimo ha detto...

Ndu Vost